Come si fa a studiare bene? Come studiare bene in 7 Step con il Metodo di Studio Feynman

Indice dei contenuti

Non hai ancora trovato il tuo metodo per studiare?
Dopo anni di scuola non sai ancora come studiare efficacemente?
Non ti hanno mai insegnato come si fa a studiare bene e velocemente?

La cosa non mi sorprende. Purtroppo il nostro attuale sistema educativo è progettato per ottimizzare l’input di informazioni – quanti concetti riescono a spiegarci in un determinato lasso di tempo – piuttosto che l’output – la quantità di informazione effettivamente elaborata e trasformata in conoscenze e competenze. Ciò che lo studente ha effettivamente imparato è per lo più utilizzato come un modo per misurare il progresso dello studente, senza mai mettere in discussione il metodo di insegnamento.

Il sistema di insegnamento tradizionale sfocia nella maggior parte dei casi nel disperato tentativo degli studenti di ricordare la maggior quantità possibile di informazione per passare la verifica o l’esame; rischiando di andare incontro al sovraccarico cognitivo associato alla confusione mentale e all’ansia.Tutto questo stress solo per “vomitare” poi la gran parte delle informazioni “indigeste” una volta fatto l’esame. 

Un’altra conseguenza nefasta è che lo studente finisce per sviluppare una repulsione allo studio, viste le sensazioni ed emozioni negative che si sono associate ad esso. In questo modo lo si condiziona a non studiare più una volta uscito da scuola, con il rischio che si ritrovi con conoscenze e competenze inadeguate vista la sempre più rapida evoluzione tecnologica-sociale.

Invece non ci viene insegnata una delle cose più importanti, cioè come si fa a studiare efficacemente. Una volta che avrai imparato come si studia efficacemente, sarai sempre più bravo a studiare velocemente anche concetti complessi.

Utilizzando un approccio attivo possiamo imparare meglio e raffinare sempre più il nostro metodo di studio. Il vantaggio aggiuntivo di un metodo di studio attivo è che tutto diventa molto più interessante e significativo; studiare viene associato così a sensazioni ed emozioni positive, instaurando un circolo virtuoso.

In pratica si tratta semplicemente di rielaborare le informazioni creando la nostra versione di esse.

Proprio questo è il principio alla base della Tecnica Feynman – dal nome di Richard Feynman (1918-1988), un fisico vincitore del premio Nobel – che vorrei trasmetterti oggi.

Richard Feynman e il suo metodo di studio 

Richard Feynman era chiamato “Il Grande Spiegatore”. Ha aperto la strada all’intero campo dell’elettrodinamica quantistica, influenzando i campi della nanotecnologia, dell’informatica quantistica e della fisica delle particelle. 

Era un insegnante appassionato e incredibilmente talentuoso, capace di sintetizzare e trasmettere efficacemente complesse conoscenze scientifiche ai suoi studenti, tanto che Bill Gates lo ha definito:

“Il più grande insegnante che non ho mai avuto”

In un frase, il metodo di studio di Feynman, consiste nello spiegare le cose in modo così semplice da renderle comprensibili a chiunque.

La logica a supporto dell’efficacia del metodo è quella che segue; cercando di spiegare un concetto in termini semplici, noterai rapidamente dove hai una buona comprensione di quel concetto e dove invece ci sono delle zone problematiche; perché saranno proprio quelle, le aree in cui ti blocchi o in cui finisci per ricorrere a un linguaggio e a una terminologia complessi.

Oltre ad aiutarti a individuare le aree problematiche nel concetto che stai cercando di imparare, il metodo di studio di Feynman fornisce un modo rapido ed efficiente per consolidare quelle conoscenze usando un apprendimento mirato. 

È una tecnica apparentemente semplice, ma uno tra i migliori metodi per studiare velocemente ed efficacemente.

Come utilizzare in 7 Step il metodo di studio efficace di Feynman

Dal momento che la radice di questa tecnica implica la spiegazione del concetto che vuoi imparare, potresti metterla in pratica in diversi modi; incluso prendere letteralmente un amico e spiegargli cosa stai imparando. Tuttavia, non sempre si hanno amici volenterosi a portata di mano, quindi ecco una procedura più semplice.
L’unica cosa di cui hai bisogno è un foglio di carta, delle penne di diversi colori e una buona dose di capacità autocritica.

La tecnica di Feynman in 7 step

  1. Scrivi il titolo della “lezione” o del concetto che desideri imparare in cima al foglio.
  2. Dopo aver ascoltato/guardato la lezione o studiato, scrivi tutto quello che ti ricordi, a parole tue! Non è il momento di preoccuparsi dell’accuratezza dei termini; l’importante è svuotare la mente sul foglio, in modo da liberare la tua memoria di lavoro.
  3. Aggiungi alla spiegazione 2 o 3 esempi che possano aiutarti a contestualizzare quello che stai cercando di imparare e che lo rendano più concreto (riconducibile a qualcosa di reale).
  4. Rileggi tutto ciò che hai scritto; individua i concetti che ancora non sono spiegati chiaramente e quelli che hai spiegato usando parole troppo tecniche (in particolare quelle parole di cui non conosci l’esatto significato) e tutti quei concetti che pensi di non padroneggiare ancora a sufficienza.
  5. Vai a riguardare i concetti o i passaggi non chiari sui tuoi appunti presi durante la lezione o dalle fonti che hai utilizzato per studiare.
  6. Prendi un nuovo foglio e riformula tutte quelle parti della spiegazione che non erano chiare nella prima stesura, utilizzando termini più semplici.
  7. Se hai un fratello o una sorella piccoli perfetto, puoi approfittarne per testare la spiegazione semplificata! Altrimenti puoi metterti tu nei loro panni. Chiediti: questa cosa che ho spiegato potrebbe capirla anche un bambino?
    Se la risposta è sì complimenti! Se è no torna allo step 5.

 

Nel prossimo capitolo trovi un esempio applicativo del metodo per studiare velocemente di Feynman che ho utilizzato per chiarirmi il concetto di memoria.

Applicazione del metodo di studio veloce di Feynman

Step 1 e 2 

Nel primo foglio che puoi vedere qui sotto ho dato un titolo al concetto principale che volevo imparare, “Comprensione basilare della memoria” e sono partito scrivendo tutte quelle idee che mi sembravano fondamentali per farsi un’idea approssimativa del concetto di “memoria”.

Come si fa a studiare bene? Step 1 e 2 del Metodo di Studio Feynman

Step 3

Ho fatto 3 esempi, uno per ogni sottotipo di memoria a lungo termine che mi sembrava importante specificare: 

  1. Memoria NON Dichiarativa (Implicita) – Apprendimento di Abilità → Imparare ad andare in bicicletta 
  2. Memoria Dichiarativa (Esplicita) – Episodica → Narrazione dell’ultimo viaggio all’estero 
  3. Memoria Dichiarativa (Esplicita) – Semantica → Spiegazione dei concetti fondamentali di un libro

 

Come si fa a studiare bene? Step 3 del Metodo di Studio Feynman

Step 4

Ho sottolineato in Rosso i concetti che non mi erano particolarmente chiari e in Blu i termini troppo tecnici. Mi sono anche accorto di aver fatto un errore nel 1° esempio, confondendo la memoria non-dichiarativa per la memoria di lavoro.

Come si fa a studiare bene? Step 4 del Metodo di Studio Feynman

Step 5 e 6

Dopo aver riguardato alcuni dei concetti sul manuale di neuroscienze cognitive, ho cercato di riformulare i concetti non chiari e di sostituire i termini tecnici con parole più comprensibili (sottolineato in verde).

Come si fa a studiare bene? Step 5 e 6 del Metodo di Studio Feynman

 

Step 7

Mi sono chiesto:

Un bambino sarebbe in grado di capire a grandi linee cos’è la memoria con la spiegazione a cui sono arrivato nel punto precedente? 

Probabilmente no!
Sono tornato quindi al punto 5 riformulando ancora una volta il concetto per renderlo ancora più comprensibile.

 

Prima di lasciarti a testare la tecnica ci tengo condividere con te un ultimo consiglio per studiare.

Per apprendere come imparare a studiare devi pensare come un bambino

Hai presente quando i bambini iniziano a mettere in discussione qualsiasi cosa gli venga raccontata? 

Possiamo chiamarla curiosità o necessità di capire le relazioni che esistono tra le cose e il loro senso più profondo. Quello che conta è che chiedersi il “perché”, oltre ad essere un ottimo strumento per il pensiero critico, permette di mettere in discussione tutte quelle assunzioni che vengono considerate vere senza capirne davvero le fondamenta. 

Chiedendoti “perché” inizierai un naturale processo che ti porterà sempre più dentro la materia che stai studiando, utilizzando un approccio esplorativo invece che nozionisticoPotresti addirittura essere capace di trovare delle spiegazioni valide prima di andare a studiare i concetti che vuoi approfondire. 

Continuando con il mio esempio, dopo aver dato una spiegazione basilare e sufficientemente comprensibile del concetto di memoria, mi sono chiesto una serie di perché; in modo “naturale” le domande che seguono spinto ad approfondire le mie conoscenze sul funzionamento della memoria:

La rappresentazione della memoria esiste fisicamente da qualche parte nel nostro cervello?
Cosa sono concretamente questi sistemi di memoria?
Perché tipi diversi di esperienze vengono elaborati e gestiti da sistemi di memoria diversi?

 

Abbiamo visto come si fa a studiare efficacemente con il metodo di studio di Feynman; ma perché sono convinto che imparare come studiare bene sia importante?

Sempre più l’avanzamento sociale e tecnologico richiede l’apprendimento continuo di nuove conoscenze e competenze. Non solo per entrare e rimanere rilevanti nel mercato del lavoro, ma anche per fare scelte migliori nella propria vita.

Imparare come imparare, è quindi più importante dei singoli concetti che si apprendono; una volta che ti sarà chiaro come si fa a studiare ti sarà via via più facile assimilare qualsiasi concetto. Inoltre una volta perfezionato un metodo di studio potrai espandere la tua capacità di apprendimento, integrando altri metodi di studio veloci, e migliorando sempre più la tua abilità di memorizzare velocemente. 

Impariamo come imparare.

 

Prima di andare! Ti va di darmi un feedback?

Mi piacerebbe sapere cosa ne pensi dell’articolo, se l’hai apprezzato oppure no, se sei riuscito a seguire le argomentazioni e se vorresti approfondire qualche aspetto in particolare.
Scrivimi su messenger o su linkedin!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Vuoi ricevere una mail quando pubblico un nuovo articolo?

Nei miei articoli troverai degli strumenti pratici per pensare meglio, orientarti nel caos moderno e fare scelte migliori.

Articoli Correlati
Mattia Papa immagine del profilo
Mattia Papa
copywriting coach & blogger

Sono coach di scrittura per start2impact, una piattaforma che forma i giovani sulle competenze digitali.

Che sia su carta, o in digitale, scrivo.

Preferiti

Questo sito web utilizza i cookie per garantire la migliore esperienza sul nostro sito web.​ Per maggiori informazioni visita la pagina Privacy Policy.